Prima edizione

Si conferma vincente la scelta di Monte del Lago come sede del Premio e del festival motivata sia dalla splendida posizione di questo piccolo borgo posto su un promontorio affacciato sul lago Trasimeno, da cui si possono ammirare alcuni scorci incantevoli ed i panorami lacustri più belli e incontaminati, sia per la sua ricca storia di cui rimangono tracce in resti di mura medievali, tra l’antica porta, nelle due ville che occupano gran parte del paese: Villa Aganoor – Pompilj, luogo di residenza della poetessa a cui è dedicato il premio, e Villa Schnabl fatta costruire dal musicologo Riccardo Schnabl, che aveva, tra i suoi prestigiosi ospiti, anche il compositore Giacomo Puccini, e rimasta praticamente immutata.

Il resto del paese è un insieme di vie e piazzette con scalinate che scendono al lago e vi si trovano due piccole chiese: la chiesa dei Disciplinati e la chiesa di sant’Andrea con affreschi risalenti al XIV secolo. Un molino perfettamente funzionante con produzione di olio biologico e antica orciaia con orci del Cinquecento; il ricordo di personaggi storici che in questo luogo sono nati o hanno soggiornato, quali il cartografo Bartolomeo Borghi o Marianna Florenzi Weddington, consentono di fare di questo luogo un punto di incontro della storia e della cultura, non solo Umbra, dell’Italia tra Ottocento e Novecento. Questa storia è raccontata proprio attraverso i carteggi che questi personaggi hanno scritto a parenti, amici, colleghi di lavoro, personalità del mondo della cultura, ed hanno consentito la creazione di un percorso storico narrativo “Alla scoperta delle storie e dei personaggi di Monte del Lago” che ha riscosso un grande successo tanto che nella prossima edizione del Festival verranno organizzate visite guidate in tutti e due i giorni della manifestazione.

t

L’allestimento di tutto il borgo, ha sorpreso gli stessi abitanti e tutti coloro che sono intervenuti per l’eleganza delle ambientazioni, per gli allestimenti realizzati anche grazie alla gentile disponibilità della sig.ra Rinaldini che ha concesso in uso gratuito molti oggetti provenienti dal negozio di sua proprietà. Sono stati allestiti punti di scrittura e le lettere scritte con pennini ed inchiostro sono state da noi spedite anche all’estero: alcune in Spagna ed una in America. Sono stati organizzati eventi nelle ville, lungo le vie di Monte del Lago, nella chiesa di Sant’Andrea.

È stata allestita una mostra su Vittoria Aganoor con la presenza di un corposo carteggio completamente inedito tra Vittoria Aganoor e Enrico Nencioni che è stato presentato dai proprietari alla presenza dell’assessore alla cultura del comune di Recanati. Andrea Marinelli. Tra le lettere anche uno scritto di Giacomo Zanella, tutore nonché maestro della poetessa veneta, che affidava alla sedicenne Vittoria Aganoor un prezioso reperto: una lettera scritta da Giacomo Leopardi.

Aspetti turistici – Se il Premio ha avuto il merito di riportare all’attenzione del panorama nazionale la figura della poetessa Vittoria Aganoor e dei luoghi dove ha vissuto, con il Festival la promozione di questo antico e bellissimo borgo dal punto di vista turistico è certamente incrementata. Una prima dimostrazione è arrivata con la richiesta, da parte di un’agenzia di viaggi locale, di poter presentare il Festival in occasione di una fiera di settore in Belgio per la creazione di pacchetti turistici proprio legati al Festival.
L’idea è piaciuta molto e siamo al lavoro per concretizzare la proposta con il programma del prossimo anno e con collegamenti con altre realtà umbre legate al settore della carta e della stampa quali il Museo della stampa di Foligno ed il Museo della tipografia di Città di Castello.
Altri rapporti legati ad altri interessi della poetessa, vedi il suo impegno nella promozione del merletto di Isola Maggiore sono in corso.
È stato anche allestito uno spazio biblioteca dove l’associazione INTRA e Sistema Museo hanno allestito laboratori sulla scrittura e sulla carta che hanno visto una grande presenza di bambini.

Legame con il territorio
La prima edizione del festival, un numero sperimentale, ha riscosso un grande successo tra quanti vi hanno partecipato. La fase di organizzazione è stata preceduta da un incontro pubblico con gli abitanti del borgo di Monte del Lago allo scopo di coinvolgerli nella fase progettuale. L’organizzazione, richiede la chiusura al traffico del borgo per il giorno dell’allestimento e per i due giorni del festival con evidenti disagi per i residenti che non possono transitare con i mezzi.
All’incontro hanno partecipato il Sindaco e l’assessore al turismo ed ha visto una grande presenza sia degli abitanti del centro che delle zone limitrofe. Questo incontro è stato fondamentale per ricostruire un legame con gli abitanti che non hanno vissuto l’evento come qualcosa di imposto da fuori ma come qualcosa di proprio.
Importante, e fondamentale, la presenza dei giovani che hanno lavorato alla manifestazione
La collaborazione è stata massima, sono stati messi a disposizione spazi privati tanto che per la prossima edizione del festival la collaborazione sarà sicuramente maggiore

Il festival nasce da un’idea di Luigina Miccio condivisa con l’Ufficio cultura del Comune e realizzato con la WGC pubblicità srl che ha aderito, come forma promozionale per la propria attività.
All’organizzazione dell’edizione 2012 hanno collaborato:
Il Comitato Sant’Andrea di Monte del Lago
Sistema Museo
Biblioteca Vittoria Aganoor Pompilj
Associazione INTRA
Azienda F.lli Palombaro
Associazione Villa Aganoor
Associazione Villa Schnabl
Hotel Il lago visto da una nuvola

Averlo definito evento slow per noi rappresenta l’essenza del festival dove elemento fondamentale è quello di creare un contesto dove le persone possano vivere con calma e tranquillità quanto proposto, in un luogo bello dal punto di vista naturalistico, dove trovare spazi e occasioni per raccontare la propria esperienza con un’accoglienza che li faccia sentire ospiti graditi del luogo.
Molta attenzione è stata posta negli allestimenti, nel materiale d’informazione, nei cibi serviti.

La lettera, con la sua forte carica di emotività, con il suo entrare nella parte più intima delle persone, rappresenta uno mezzo di grande coinvolgimento.

Mostra – mercato di libri e stampe
Percorsi letterari – musicali
Mostre
Presentazione di carteggi
Letture
Rappresentazioni teatrali
Concerti
Degustazioni
Cerimonia di premiazione XV edizione del Premio Vittoria Aganoor Pompilj
Si allega programma della manifestazione